Spagna: un attacco durante le processioni pasquali sventato a Siviglia

Cet article a été aussi publié en : frFrançais (Francese) enEnglish (Inglese) ruРусский (Russo) deDeutsch (Tedesco) esEspañol (Spagnolo) nlNederlands (Olandese)

Le autorità di polizia spagnole e marocchine hanno arrestato un uomo di 23 anni a Rabat, in Marocco, per aver pianificato un attacco pasquale nella città spagnola di Siviglia.
Polizia Nazionale
🚩 ORA ULTIMO: Un jihadista che avrebbe tentato di attaccare Siviglia è stato arrestato in Marocco.
Attualmente lo stanno perquisendo nella sua casa nella capitale andalusa.
Secondo la polizia nazionale, il Centro nazionale spagnolo di intelligence (CNI) e i servizi segreti marocchini, questo jihadista ha progettato di usare un esplosivo noto come “la madre di Satana” per causare il maggior numero di vittime durante le processioni pasquali a Siviglia, la città dove viveva.
L’arresto è avvenuto dopo che le autorità spagnole hanno informato i marocchini che l’uomo si era recato in Marocco e che la visita potrebbe essere collegata ai preparativi finali dell’attacco, nonché per dire addio ai suoi parenti.
Lo stato islamico ha richiesto attacchi in Spagna durante la Settimana Santa in un video trasmesso sul suo canale di propaganda Al Muntasir. Ha incoraggiato i lupi solitari e altri legati al jihadismo ad agire in nome della guerra santa, trasmettendo immagini delle strade di Valencia e Malaga piene di gente durante le processioni e alternandosi a sequenze di atrocità.
Il ministero dell’Interno ha rafforzato gli accordi di sicurezza dalla settimana scorsa per le celebrazioni pasquali e le prossime elezioni.
L’esplosivo che il jihadista arrestato intendeva usare è conosciuto come “la madre di Satana” ed è lo stesso usato dai terroristi durante gli attacchi di Barcellona e Cambrils nel 2017.
Siviglia è una delle città spagnole dove c’è la maggior parte della tradizione delle processioni pasquali. Dichiarata di Interesse Turistico Internazionale per la sua eccezionale bellezza e visitata da milioni di persone.