Malesia: polizia smantella gruppo collegato allo Stato islamico

Cet article a été aussi publié en : frFrançais (Francese) enEnglish (Inglese) ruРусский (Russo) arالعربية (Arabo) deDeutsch (Tedesco) esEspañol (Spagnolo) nlNederlands (Olandese) idIndonesia (Indonesiano)

La polizia della Malesia ha arrestato quattro uomini legati allo Stato islamico e sequestrato esplosivi con cui stavano progettando attentati. I sospetti – due rohingya della Myanmar, un indonesiano e un malese a capo del gruppo – sono stati arrestati la scorsa settimana in un raid vicino a Kuala Lumpur, nello stato nordorientale di Terengganu, ha riferito la polizia attraverso un comunicato. Secondo il capo della polizia nazionale, Abdul Hamid Bador, si trattava di “una cellula dello Stato islamico” che stava pianificando attacchi in luoghi di culto in Malesia. La polizia ha anche sequestrato sei dispositivi esplosivi artigianali, una pistola e 15 proiettili. Secondo la polizia, gli attacchi pianificati miravano a vendicare la morte di un pompiere musulmano avvenuta durante le violenze avvenute nei pressi di Kuala Lumpur lo scorso anno.