Giordania, uomo armato di coltello assalta gruppo di turisti: ci sono feriti

Cet article a été aussi publié en : frFrançais (Francese) enEnglish (Inglese) ruРусский (Russo) arالعربية (Arabo) deDeutsch (Tedesco) esEspañol (Spagnolo) ja日本語 (Giapponese) nlNederlands (Olandese) svSvenska (Svedese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) pt-ptPortuguês (Portoghese, Portogallo)

Uno sconosciuto armato di coltello ha oggi assalito un gruppo di turisti mentre erano in visita nella città giordana di Jerash (a nord di Amman), celebre per i suoi reperti archeologici di epoca romana. Lo riferisce la agenzia di stampa ufficiale giordana Petra secondo cui, prima di essere neutralizzato, l’assalitore ha ferito Tre turisti messicani e una donna svizzera, una guida, due ufficiali della direzione generale della sicurezza e un autista di autobus. I feriti sono stati ricoverati in ospedale, precisa la Petra. Secondo altre fonti stampa, nell’incidente sarebbero rimaste ferite tre donne spagnole.
Non è la prima volta che i siti turistici giordani vengono attaccati per la prima volta.
Nel dicembre 2016, un attacco al sito turistico del Karak, 120 chilometri a sud di Amman, ha ucciso 10 persone – sette agenti di polizia, due civili giordani e un turista canadese – e ne ha ferito 30 persone. L’attacco è stato rivendicato dallo Stato islamico.
Dieci persone sono state condannate a pene che vanno dai tre anni di prigione alla pena di morte.
La Giordania è conosciuta per i suoi splendidi siti archeologici, tra i più importanti del Medio Oriente, come Petra, una delle sette meraviglie del mondo, o il tempio romano di Gerasa.
Il deserto del Wadi Rum e il Mar Morto sono anche tra le sue attrazioni turistiche.
Il turismo è una delle principali risorse della Giordania.