Giordania, uomo armato di coltello assalta gruppo di turisti: ci sono feriti

Cet article a été aussi publié en : Français (Francese) English (Inglese) Русский (Russo) العربية (Arabo) Deutsch (Tedesco) Español (Spagnolo) 日本語 (Giapponese) Nederlands (Olandese) Svenska (Svedese) 简体中文 (Cinese semplificato) Português (Portoghese, Portogallo)

Uno sconosciuto armato di coltello ha oggi assalito un gruppo di turisti mentre erano in visita nella città giordana di Jerash (a nord di Amman), celebre per i suoi reperti archeologici di epoca romana. Lo riferisce la agenzia di stampa ufficiale giordana Petra secondo cui, prima di essere neutralizzato, l’assalitore ha ferito Tre turisti messicani e una donna svizzera, una guida, due ufficiali della direzione generale della sicurezza e un autista di autobus. I feriti sono stati ricoverati in ospedale, precisa la Petra. Secondo altre fonti stampa, nell’incidente sarebbero rimaste ferite tre donne spagnole.
Non è la prima volta che i siti turistici giordani vengono attaccati per la prima volta.
Nel dicembre 2016, un attacco al sito turistico del Karak, 120 chilometri a sud di Amman, ha ucciso 10 persone – sette agenti di polizia, due civili giordani e un turista canadese – e ne ha ferito 30 persone. L’attacco è stato rivendicato dallo Stato islamico.
Dieci persone sono state condannate a pene che vanno dai tre anni di prigione alla pena di morte.
La Giordania è conosciuta per i suoi splendidi siti archeologici, tra i più importanti del Medio Oriente, come Petra, una delle sette meraviglie del mondo, o il tempio romano di Gerasa.
Il deserto del Wadi Rum e il Mar Morto sono anche tra le sue attrazioni turistiche.
Il turismo è una delle principali risorse della Giordania.